ASSEMBLEA DELL’ORDINE DEGLI INGEGNERI CON AL PRESENZA DELL’ING. ELISABETTA PELLEGRINI E RICONOSCIMENTO AGLI ISCRITTI.

Data:
10 Giugno 2024

Venerdì 31/05 si è svolta l’assemblea degli iscritti dell’ordine degli ingegneri di Rovigo per l’approvazione del bilancio consuntivo per l’anno 2023.

L’occasione prevedeva il riconoscimento per gli ingegneri che avevano raggiunto un importante traguardo di anzianità di iscrizione: quarant’anni, cinquant’anni e sessant’anni.

Estremamente importante l’evento formativo che ha visto come relatrice l’Ing. Elisabetta Pellegrini, coordinatrice della Struttura Tecnica di Missione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT).

L’appuntamento si è tenuto presso la splendida cornice di Palazzo Campo in via Verdi sede del Consorzio di Bonifica Adige Po che ha patrocinato l’iniziativa.

Dopo i saluti di rito da parte della Presidente Ing. Elena Zambello e del padrone di casa, il direttore del consorzio di bonifica Adige Po Ing. Marco Volpin, è stato dato spazio ai coordinatori delle commissioni dell’ordine attive che hanno illustrato sinteticamente le attività svolte. Tutti hanno sottolineato la necessità di un maggior partecipazione essendo esse aperte a tutti i possibili contributi degli iscritti.

Ne è seguita la relazione del tesoriere, l’ing. Sandro Bortolotto, che ha illustrato agli iscritti presenti in dettaglio il bilancio consuntivo evidenziando i capitoli in cui si sono verificate maggiori spese ma anche quelli in cui sono stati effettuati dei buoni risparmi. Sostanzialmente il bilancio si è chiuso con un avanzo di cassa di circa 26.000 euro. Il bilancio è stato poi approvato dagli ingegneri presenti all’unanimità.

È seguito poi l’atteso intervento dell’Ing. Elisabetta Pellegrini che ricopre il prestigioso incarico di responsabile tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT). La struttura che dirige è a nomina diretta del ministro Salvini e si occupa della pianificazione e del controllo delle opere pubbliche. L’ing. Pellegrini ha illustrato i vari gruppi di lavoro: la logistica delle merci su ferro e gomma, il progetto e la gestione dei flussi di traffico, la revisione del sistema di concessioni e per ultimo la sicurezza ed il rischio del trasporto ferroviario.

Particolare attenzione nel suo intervento è stata posta sulle infrastrutture idriche

Sono stati approvati infatti ben 418 interventi su scala nazionale.

Un passaggio atteso è stato quello relativo al ponte sullo stretto di Messina. Un’opera da 11,6 miliardi dei euro che comunque la comunità europea vede bene poiché essa punta sulla coesione dei popoli.

Altrettanto atteso il contributo sulle opere relative alle olimpiadi Milano Cortina previste per il 2026. Ha esordito sottolineando come la pista da bob che è stata nei mesi scorsi particolarmente attenzionata per possibili ritardi, in realtà sta procedendo speditamente nella realizzazione. Complessivamente per le olimpiadi del 2026 sono previsti ben 111 interventi come opere pubbliche. Un problema che si è dovuto affrontare è stato l’aumento dei prezzi che mediamente è stato attorno al 40%.

Un intervento molto apprezzato ed applaudito.

È seguito poi il riconoscimento agli ingegneri che hanno raggiunto un importante traguardo di iscrizione. Per i 40 anni di iscrizione: Renato Argenton, Rodolfo Borghi, Filiberto Canola, Mauro Ceccolin, Luigi Cianfagna, Rodolfo Fasiol, Fabio Giuseppe Galiazzo, Fabrizio Gallian, Paolo Gasparetto, Giuseppe Gasparetto Stori, Carlo Gennaro, Ferruccio Lanzoni, Gianmarco Mantovan, Ferruccio Lanzoni, Luciano Mengoli, Claudio Milan, Enrico Moro, Giancarlo Olivieri, Adriano Romualdo Pastore, Mario Rossetto, Maurizio Biancardi, Leonardo Bimbatti, Ezio Donegatti, Moreno Ferrari, Davide Ferro, Stefano Geddo, Massimo Girardello, Luigi Griguolo, Giancarlo Mantovani, Angelo Milan, Oreste Mingotti e Primo Munari.

Per i 50 anni di iscrizione: Riccardo Zoppellaro, Sandro Veneziano, Valentino Gentili, Maurizio  Zamana, Carlo Gallian, Franco Pozzati, Carlo Alberto Azzi, Pierpaolo Modonesi, Umberto Ferrari e Paolo Rossati. Riconoscimento particolare per i 60 anni di iscrizione all’Ing. Bruno Ghibellini.

    Premiati 40 anni iscrizione nel 2023
    Premiati 40 anni iscrizione nel 2024
    Premiati 50 anni iscrizione nel 2024